Iniziative in occasione del centenario della Rivoluzione d’ottobre, sull’Ucraina e sulla pubblicazione del Capitale di Marx

PRESSO LA SEDE DEL CENTRO CULTURALE CONCETTO MARCHESI IN VIA SPALLANZANI 6, MILANO:
GIOVEDI 16 NOVEMBRE ALLE ORE 18.00
“CENTESIMO ANNIVERSARIO DELLA RIVOLUZIONE D’OTTOBRE”
– PRESIEDE ROLANDO GIAI LEVRA – DIRETTORE DELLA RIVISTA GRAMSCI OGGI
– INTRODUCE BRUNO CASATI – PRESIDENTE CENTRO CULTURALE C. MARCHESI
– RELAZIONE DOMENICO LOSURDO – PRESIDENTE ASSOCIAZIONE MARX XXI
SABATO 25 NOVEMBRE ALLE ORE 14,30
ASSEMBLEA PUBBLICA SUL 150° ANNIVERSARIO DELLA PUBBLICAZIONE DEL CAPITALE DI KARL MARX

INTRODUCE:

– VLADIMIRO MERLIN SEGRETARIO REGIONALE DEL PCI LOMBARDIA

RELATORI:

– BRUNO CASATI: PRESIDENTE DEL CENTRO CULTURALE CONCETTO MARCHESI
– GIORGIO GATTEI: ECONOMISTA, STORICO
– ALBERTO SCANZI: CENTRO GRAMSCI (BERGAMO)
– ROBERTO SIDOLI: ASSOCIAZIONE PRIMO OTTOBRE DI AMICIZIA ITALIA-CINA
SABATO 2 DICEMBRE ALLE ORE 14.30
“UCRAINA, SOTTO ATTACCO DELL’IMPERIALISMO NATO E DEL NAZIFASCISMO”
 INTERVENGONO:
– VLADIMIRO MERLIN – SEGRETARIO REGIONALE PCI LOMBARDIA
– BRUNO CASATI – PRESIDENTE CENTRO CULTURALE C. MARCHESI
– PIOTR SIMONENKO – SEGRETARIO GENERALE DEL PARTITO COMUNISTA D’UCRAINA

Ucraina, “Kiev è in ostaggio dell’estrema destra” – Intervista di Radio Città Fujiko a Flavio Pettinari (audio)

da www.radiocittafujiko.it

svoboda scontri ucraina

La celebre piazza Indipendenza di Kiev, teatro della rivolta anti-Janucovyc, sarebbe controllata dall’estrema destra ucraina. I gruppi paramilitari, che si richiamano ai collaborazionisti della seconda guerra mondiale, sono armati e si sarebbero resi protagonisti di atti di teppismo e terrorismo.

Appare sempre più sbiadita l’immagine di quella che in tanti si sono affrettati a definire “Primavera ucraina”. Cacciato Janucovyc da Kiev, eletto il fedelissimo di Yulia Tymoshenko, Yatseniuk alla presidenza del consiglio dei ministri, restano tante le ombre sulle ragioni e sugli attori, del rovesciamento delle istituzioni ucraine.

Tra opposizione e governo, si è fatto largo un altro grande protagonista della scena politica ucraina: la piazza, termine che significa da sempre tutto e niente, ma nel quale vanno rintracciate anime e componenti.

Continua qui