25 e 29 aprile 2019 – Milano antifascista

Video dei cortei milanesi del 25 aprile per la Festa della Liberazione e del 29 aprile contro lo sciacallaggio politico dei nazifascisti in relazione alle commemorazioni di Ramelli e Pedenovi.

Sottofondo musicale: “Avante” (Inno del Partito Comunista Portoghese) e “Lied del Kampfgruppen” (Inno militare della DDR).

24 e 25 Aprile a Sesto San Giovanni – Fiaccolata Antifascista

La Federazione milanese del Partito Comunista Italiano aderisce, con i suoi riferimenti locali, alla fiaccolata antifascista promossa da ANPI, ANED e ANPC di Sesto San Giovanni che si terrà Giovedì 25 aprile alle ore 20.30.IMG-20190417-WA0007

Ancora una provocazione fascista a Milano

Giovedì 29 Giugno un gruppo di fascisti è entrato a Palazzo Marino durante la seduta del Consiglio Comunale ed ha inscenato una gazzarra completa di saluti fascisti e di rivendicazione della propria identità fascista.
Mentre venivano, con un certo ritardo, portati fuori sono stati fatti incrociare con una delegazione di No One is Illegal, un movimento antirazzista, che si recava a incontrare dei consiglieri comunali, i fascisti hanno pensato bene di aggredire fisicamente la delegazione.
Suscita perplessità l’operato delle forze dell’ordine che presidiano Palazzo Marino, come hanno potuto non accorgersi che esponenti a loro molto noti di Casa Pound stavano entrando nell’aula consigliare, come mai non si sono insospettiti dell’insolito affollamento di pubblico, e soprattutto come si spiega l’incauta modalità con cui sono stati accompagnati fuori i fascisti facendoli incrociare con la delegazione antirazzista?
Non è questa la prima volta che si concedono eccessive libertà di movimento e di azione ai fascisti, che ne approfittano per essere sempre più aggressivi e baldanzosi.
L’apologia di fascismo avvenuta in aula consigliare deve essere punita dalla legge.
Per quanto ci riguarda è chiaro da tempo che questi spazi che vengono sempre più concessi a fascisti e neonazisti sono il risultato di una precisa volontà politica che vuole far riconquistare agibilità politica a queste forze per deviare il malcontento sociale verso lo scontro tra stranierei ed italiani , per alimentare la guerra tra poveri.
Non basta la denuncia politica di questa situazione è necessario rilanciare la mobilitazione antifascista sempre più di massa perché solo quest’ultima è in grado di limitare l’azione dei fascisti e di attuare quanto la Costituzione prevede chiaramente : il divieto di agibilità politica per i fascisti.

Partito Comunista Italiano
Regione Lombardia

No alla manifestazione di Forza Nuova a Milano

antifaForza Nuova ha indetto per sabato 14 Gennaio  una manifestazione a Milano, è l’ennesimo tentativo di forze apertamente neofasciste, razziste e xenofobe di acquisire spazio politico a Milano, città medaglia d’oro della resistenza.

In totale dispregio della nostra Costituzione e della legge Mancino  il manifesto che convoca la manifestazione  mostra persone in camicia nera e fez , solo per questo andrebbe completamente vietata, non basta che sia stata spostata dal centro ad una zona periferica dopo le pressioni di tutte le forze antifasciste e democratiche di Milano e le dichiarazioni del sindaco.

Per questo è necessario che tutta la Milano antifascista e democratica si mobiliti partecipando al presidio indetto dal Comitato Permanente Antifascista sabato 14 Gennaio in piazza Fontana dalle ore 16.

Il Partito Comunista Italiano di Milano aderisce al presidio e chiama tutti i propri militanti a mobilitarsi.

Partito Comunista Italiano – Federazione di Milano

Comunicato del Comitato Permanente Antifascista di Milano